La Wedding planner è una figura “controversa”, nel senso che il suo ruolo deve essere visto come un aiuto e non un sostituto degli sposi. “Perché devo spendere soldi in più per organizzare il mio evento e affidarlo a una persona che non conosco”? Questo è la riflessione che molte spose si fanno, ma in realtà, le cose stanno in modo diverso.

La wedding planner alleggerisce il compito dei fidanzati, riduce le loro incombenze, selezionando fornitori e professionisti, nulla togliendo agli sposi, che lavorano costantemente con la Wedding: sono coinvolti nell’organizzazione del loro giorno. I clienti di una Wedding parlano e si confrontano con lei, confrontandosi sui gusti, sulle scelte e sui fornitori. Può capitare che non ci si ritrovi con le idee, a questo punto bisogna capire e trovare insieme la strada da percorrere. Non ci si deve mai sostituire agli sposi, o imporsi, non è la figura del Wedding planner, ma quando ne vale la buona riuscita del matrimonio, la Wedding non può sottrarsi al suo consiglio che diventa “d’obbligo”. La Wedding Diana ha sempre avuto esperienze con sposi che si sono sempre fidati di lei, in situazioni particolari, le hanno lasciato la responsabilità del decidere cosa sia meglio per la buona riuscita del loro evento

Cliccando su "Accetto", acconsenti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi